Autore: Elisa Stefania
Pubblicato il: 7 Novembre 2023
Condividi

La riforma della scuola a nome dell’ex ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi introduce nuove disposizioni, in vigore dal 30 giugno 2022, per l’arruolamento dei docenti e la loro formazione obbligatoria e un nuovo sistema per l’abilitazione alla docenza.
Il percorso formativo per l’abilitazione è regolato dal cd. DPCM 60 CFU, il decreto per la formazione degli insegnanti, ossia il DPCM 4 agosto 2023 pubblicato il 25 settembre 2023 sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 224.
Il testo del decreto regola i contenuti della formazione universitaria necessaria per diventare insegnante.
Cosa cambia con la riforma?
Il sistema di formazione iniziale e di accesso ai ruoli a tempo indeterminato degli insegnanti è suddiviso in:
• un percorso universitario e accademico di formazione iniziale corrispondente ad almeno 60 crediti formativi universitari (CFU) o accademici (CFA), da svolgere per acquisire le competenze teorico-pratiche dopo la laurea o durante il percorso formativo. Tali percorsi docenti sono organizzati ed erogati attraverso centri universitari e accademici di formazione iniziale degli insegnanti che comprende un periodo di tirocinio presso le scuole e la prova finale, con una lezione simulata per esaminare la capacità di insegnamento;
• un concorso pubblico nazionale, indetto su base regionale o interregionale con cadenza annuale;
• un periodo di prova in servizio di un anno con test finale e valutazione conclusiva anche sulle competenze didattiche acquisite dal docente.
È prevista una fase transitoria fino al 31 dicembre 2024, in attesa che il nuovo sistema vada a regime, durante la quale:
• chi insegna da almeno 3 anni nella scuola statale può accedere direttamente al concorso e, se vincitore, deve poi conseguire 30 CFU e svolgere la prova di abilitazione per poter passare di ruolo;
• è ammesso a partecipare al concorso chi abbia conseguito almeno 30 CFU o CFA o i 24 CFU/CFA previsti come requisito d’accesso secondo il previgente ordinamento;
• i vincitori del concorso su posto comune non abilitati, in possesso dei 30 CFU/CFA, o dei 24 CFU/CFA conseguiti entro il 31 ottobre 2022, sono assunti con contratto annuale a tempo determinato part-time e devono completare il percorso universitario e accademico di formazione iniziale con prova finale che, se superata, sarà seguita dal periodo annuale di prova.
Accademia, leader nella formazione online, mette a disposizione un Tirocinio scolastico per concorsi e graduatorie da 5 CFU, della durata di 60 ore, da integrare per raggiungere i 60 necessari all’abilitazione.
Il percorso è diviso in due parti: una prima da svolgere su piattaforma didattica in modalità asincrona e una seconda, pratica, da svolgere insieme a un tutor, che si basa sulla progettazione di un’Unità Didattica di Apprendimento (UDA) sulla classe di concorso scelta.

I Nostri Corsi

Offriamo le certificazioni più adatte alle tue esigenze formative: potrai aumentare il tuo punteggio in graduatoria o partecipare ai concorsi pubblici.

Docenti

I corsi, riconosciuti dal Miur, validi per completare la tua formazione e incrementare i tuoi punteggi. Scopri le digital skill Accademia e guadagna fino ai 12 punti

ATA

I corsi adatti per ogni profilo ATA e validi per aumentare le tue probabilità di convocazione. Scopri le competenze da acquisire e guadagna fino ai 1.60 punti

Chi siamo

Accademia eroga corsi e certificazioni Salvemini.

Scuola paritaria accreditata dal Ministero dell’Istruzione per la formazione della scuola (Dir. 170/2016), presente sulla piattaforma Sofia del Ministero dell'Istruzione.
chi siamo
Nuova Formamentis s.r.l.s. - © 2020 WebAccademia Cookie Policy - Privacy Policy
T + 39 351 8009514
ORARI SEGRETERIA 9/13 - 15/18
envelopecrossmenu
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram